SPOLTORE – Una storia ricca e complessa accomuna in parallelo i destini delle comunità italiana e romena, che hanno conquistato negli stessi anni la loro indipendenza con la creazione, grazie al sostegno esterno di Napoleone III, di due Stati nazionali oggi pienamente affermati all’interno dell’Europa delle nazioni. La racconta concentrandosi sulla lingua romena “come fonte storica” il libro di Ioan-Aurel Pop “Dai romani ai romeni. Elogio della Latinità”, tradotto in italiano per i tipi di Rediviva da Ida Garzonio e Violeta Popescu. Popescu è intervenuta, assieme a Cristian Luca dell’Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, alla presentazione che si è tenuta a Spoltore nell’ambito del gemellaggio con la città romena di Berca.

“E’ grande onore per la nostra comunità” ha ricordato Popescu. “Una comunità laboriosa, ben inserita, che considera ormai l’Italia una seconda patria. Un fenomeno evidente nei nostri giovani, per i quali è ormai impossibile considerarsi interamente romeni o italiani”.

La relazione di Luca ha sottolineato “la simbiosi antica tra la civiltà dei Daci e quella romana, il legame con il conquistatore Traiano, il padre del popolo romeno, e la romanizzazione portata dai coloni romani nella Dacia, che a lungo termine ha portato alla nascita del popolo e della lingua romena”.

“Dai romani ai romeni”, presentato il libro a Spoltore


Scopri di più da 𝐓𝐞𝐫𝐫𝐚 🇷🇴 𝐑𝐨𝐦𝐞𝐧𝐚 🇮🇹 mapamond🌐media

Abbonati per ricevere gli ultimi articoli inviati alla tua e-mail.

Rispondi